Comunicato stampa Progetto “Liberi di Volare” ai Licei

COMUNICATO STAMPA

PROGETTO “LIBERI DI VOLARE” AI LICEI

ATTIVITA’ DI PREVENZIONE DALLE DIPENDENZE

Corigliano, lunedì 28 ottobre 2019

  “Liberi di volare” è atterrato sui Licei di Corigliano. Due distinti appuntamenti che si sono tenuti il 25 ottobre 2019 scorso al liceo classico “G. Colosimo” e il 28 ottobre 2019 al liceo scientifico “Fortunato Bruno”. La manifestazione rientra nell’ambito delle giornate di prevenzione dalle dipendenze: droga, alcolismo, ludopatia, bullismo, solitudini virtuali. 

Il progetto, sostenuto dalla Unipromos – associazione di promozione sociale – volta alla sensibilizzazione su tematiche legate alla cultura della legalità e al contrasto delle dipendenze patologiche, e in partenariato con l’associazione “Sibari città del sole”, si propone l’obiettivo di fornire informazioni e rafforzare gli strumenti di difesa degli adolescenti, soggetti maggiormente a rischio poiché più fragili e più esposti ai pericoli delle dipendenze patologiche. 

A introdurre i lavori il Dirigente scolastico Pietro Antonio Maradei il quale, dopo aver salutato e ringraziato gli organizzatori, ha ricordato come da sempre i licei di Corigliano siano impegnati in progetti mirati a salvaguardare l’integrità fisica e morale dei suoi studenti. Presente l’assessore all’Istruzione e ai Servizi sociali, Donatella Novellis, che dopo i saluti istituzionali anche a nome del Sindaco Flavio Stasi, si è complimentata con l’Organizzazione per l’importantissima iniziativa. «I giovani sono il futuro» –  ribadisce l’assessore Novellis che rivolgendosi alla platea afferma: «Siate guida per i vostri amici più fragili. La scuola è faro di crescita e strumento di emancipazione». 

Ha preso poi la parola il Coordinatore generale del progetto Benedetto Di Iacovo che dopo una disamina dei pericoli delle dipendenze, ha esposto la mission di tale importante attività nelle scuole, non solo della Calabria, ma anche della Sicilia e del Lazio: la somministrazione agli studenti di un questionario in forma anonima per cercare di far emergere e monitorare le dipendenze negli istituti scolastici. La professoressa Rosa Boragina, referente del bullismo e cyberbullismo per i licei di Corigliano, ha approfondito tale problematica che affligge le comunità scolastiche, spiegando come non solo il bullo, ma anche gli atteggiamenti omertosi di chi gli sta intorno, rendono tutti egualmente colpevoli nei confronti della vittima. Sindrome di hikikomori, nomofobia, attacchi di panico, depressione e una crescente e radicale solitudine, questi sono i disturbi provocati dalla dipendenza da internet, su cui si è soffermata la professoressa Annagiulia Lo Giudice, sottolineando come le ore giornaliere di connessione siano in continuo aumento, circa 7-8 ore, diminuendo drasticamente il tempo della comunicazione verbale diretta. 

A chiudere i lavori il dottor Giuseppe Clausi – responsabile tecnico del progetto – che ha spiegato i termini del sistema relativo all’attivazione di una community virtuale, attraverso la quale gli studenti e docenti interagiranno con metodologia di peer education con la finalità di operare attività di interscambio di materiale informativo allo scopo di prevenire e contrastare le dipendenze.

UFFICIO DI PRESIDENZA

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.